Palermo e Sicilia

Contro i licenziamenti alla Conad di Ragusa e Vittoria

 I due Superstore CONAD di Vittoria (Ragusa) e Ragusa città sono stati chiusi dal 3 settembre. Da lunedì 5 stanno arrivando le lettere di licenziamento, 80 lavoratori hanno perso il posto di lavoro. La politica commerciale della CONAD/Boscopiano ha prodotto uno spaventoso disavanzo e un debito milionario con i fornitori e i proprietari degli immobili. Perseguendo la politica del massimo profitto la parte padronale ha deciso di far pagare gli errori commerciali ai lavoratori che in questo momento di crisi generale si trovano messi in mezzo ad una strada senza nessuna prospettiva ipotizzata da conad/Boscopiano. I Cobas non sono disposti a subire i ricatti padronali e dal 3 settembre presidiano la sede di CONAD Vittoria. La mobilitazione continua nei prossimi giorni con il presidio permanente dei cancelli dove è stata invitata la cittadinanza

Intervista ai lavoratori in lotta della formazione professionale in Sicilia

15482_10205302317987180_8343697676255519892_n-520x245

I lavoratori della formazione in Sicilia sono, anzi erano, 8000, impiegati in servizi e interventi formativi, nei corsi di completamento dell'obbligo scolastico (un tempo denominati Oif).

Venerdì 6 febbraio SCIOPERO GENERALE dei lavoratori della FORMAZIONE PROFESSIONALE della Regione Sicilia

fp-6-febbraio-2015

Manifestazione / marcia a Palermo ore 9,00 da piazza Marina fino a piazza indipendenza palazzo del Governo Regionale

Reintegro immediato al lavoro di Gianni Leone

sim_5_medium

LIBERI DI AGIRE, LIBERI DI PENSARE                                     

 Il licenziamento di Giovanni Leone lavoratore dela SIM metalmeccanica di Priolo ricordano i tempi bui degli anni '60. E' dura repressione, atteggiamento antisindacale , spegnere la voce di un rappresentante eletto rsu - rls, scomodo per l'azienda.

No Muos, in migliaia protestano a Niscemi.

nomuos 6

E’ di due feriti il bilancio degli scontri: un'attivista palermitana, Valeria Cimo', e' stata colpita alla fronte e un agente di polizia al naso. Sono entrambi ricoverati in ospedale e verranno sottoposti ad accertamenti, ma non sarebbero gravi.
La donna, ferita al volto, e' stata soccorsa da un medico che partecipava alla manifestazione. 

SCIOPERO GENERALE dei PRECARI della Pubblica Amministrazione e dei LAVORATORI della FORMAZIONE PROFESSIONALE della REGIONE SICILIA

VENERDI’ 15 NOVEMBRE 2013

MANIFESTAZIONE a PALERMO piazza POLITEAMA ore 9,00, fino a Palazzo d'ORLEANS sede del Governo Regionale Siciliano a piazza Indipendenza

SIRIA FERMIAMO LA GUERRA, senza se e senza ma.

Stati Uniti e Francia hanno annunciato un loro intervento militare contro la Siria con bombardamenti navali
ed aerei. L’azione è gravissima e comporta moltissimi rischi di innescare conflitti armati ancora più
catastrofici in Siria, in tutto il Medio Oriente e nel Mediterraneo.
L’attacco contro la Siria annunziato da Obama e Hollande è stato giustificato con un presunto attacco con
armi chimiche compiuto il 21 agosto dal governo siriano contro l'opposizione armata, una azione che
avrebbe colpito e ucciso anche centinaia di civili.
Gli scopi di questa iniziativa militare sono stati indicati in modo poco comprensibile. Si è parlato soprattutto
di una punizione contro il governo siriano per l’uso di gas letali, una “rappresaglia” per impedire che si
ripetano in futuro episodi analoghi. Senza sapere che cosa è successo, applicando il principio di colpevolezza
senza prove e a dispetto del cui prodest, gli Usa e le altre potenze occidentali rivendicano la necessità di un
attacco diretto alla Siria parlando di “oscenità morale del regime siriano”. L’oscenità morale è questa
guerra: una vera guerra di aggressione imperialista per il controllo geo politico della regione. Una
guerra che potrà incendiare tutto il Medio Oriente e che potrà coinvolgere (oltre a USA, Francia e Siria) le
potenze regionali e mondiali come Israele, Turchia, Arabia Saudita, Emirati, Iran, e Russia e la stessa
Alleanza Atlantica di cui l'Italia fa parte. Si aprirebbero scenari incontrollabili che vedrebbero l'Italia, e in
particolare la Sicilia, in prima linea nel conflitto.

Bloccare il MUOS, sabotare la guerra, cacciare Crocetta. 28 settembre corteo nazionale a Palermo

no muos 1

Il movimento NoMuos rilancia la lotta contro le 46 antenne NRTF e la costruzione dell’impianto di comunicazione satellitare a Niscemi, particolarmente strategici nel momento in cui i venti di guerra soffiano caldi sul mediterraneo.

La Sicilia, al centro dei piani militari e degli interessi geopolitici statunitensi e occidentali, svolge un ruolo fondamentale tramite le sue diverse basi NATO e USA e, in questo preciso momento, chiunque non abbia impedito con azioni determinate la costruzione del MUOS non può che essere ritenuto complice.

I NO MUOS il 9 agosto in corteo a Niscemi

I NO MUOS il 9 agosto in corteo a Niscemi

I Cobas aderiscono e parteciperanno alla Manifestazione No MUOS che si terrà venerdì 9 agosto 2013 ore 16,30 a Niscemi presso la base USA

No Muos

IL MOVIMENTO NOMUOS DENUNCIA PUBBLICAMENTE L'OPERATO DEL GOVERNO CROCETTA  CHE SVENDE IL POPOLO SICILIANO, SOTTOSTÀ AL DIKTAT DEL GOVERNO NAZIONALE E DELLA US NAVY E SMENTENDO SE STESSO REVOCA LA SALUTE E LE SCELTE DEI CITTADINI SICILIANI

Dopo la scellerata decisione  de Presidente Crocetta  che senza aspettare il responso del CGA si è piegato al diktat del Ministero della Difesa italiano e della US Navy facendo una colossale marcia indietro e revocando la revoca a costruire e quindi di fatto ridando  l'autorizzazione alla costruzione del MUOS a Niscemi il movimento nomuos non demorde e dopo avere manifestato a Palermo, avere occupato i municipi di Niscemi, Caltagirone, Piazza Armerina, Ragusa chiama alla mobilitazione scendendo in piazza a Niscemi il 9 agosto.

PER UNA SOCIETA' DEI BENI COMUNI

Una giornata di dibattito sul libro di Piero Bernocchi
OLTRE IL CAPITALISMO
Discutendo di benicomunismo, per un’altra società.

Guarda gli interventi del Convegno

locandina WEB
Continua