ll DECRETO-LEGGE CURA ITALIA per i lavoratori pubblici

Congedo parentale per i figli con età inferiore ai 12 anni e “bonus baby-sitter”

Il decreto riconosce per l’anno 2020 a decorrere dal 5 marzo, a tutti idipendenti pubblici con figli di età non superiore ai 12 anni e/o con disabilità accertataun periodo di congedo (continuativo o frazionato) pari a 15 giorni.Per questo periodo viene riconosciuta un’indennità pari al 50% della retribuzione. La fruizione del congedo è riconosciuta alternativamente ad entrambi i genitori, ed è subordinata alla condizione che nel nucleo familiare non vi sia altro genitore che sta usufruendo di ammortizzatori sociali o similari (Cassa integrazione o Naspi o Reddito di cittadinanza).

In alternativa al congedo, è possibile scegliere la corresponsione di un bonus per l’acquisto di servizi di baby-sitting fino a un importo massimo di 600 euro, da utilizzare per prestazioni effettuate nel periodo dal 05/03/2020 al 31/12/2020.

Per il personale del settore pubblico, privato, appartenenti alle categorie dei medici, infermieri, operatori sanitari e per quelli del comparto sicurezza, difesa e per l’emergenza COVID-19 l’indennità è di 1000 euro.

Congedo non retribuito

I genitori lavoratori dipendenti con figli minori, di età compresa tra i 12 e i 16 anni, a condizione che nel nucleo familiare non vi sia altro genitore beneficiario di strumenti di sostegno al reddito o che non vi sia genitore non lavoratore, hanno diritto di astenersi dal lavoro per il periodo di sospensione delle attività didattiche nelle scuole di ogni ordine e grado, senza corresponsione di indennità, con divieto di licenziamento e diritto alla conservazione del posto di lavoro.

Articolo 24 – Permessi 104

Nel Bimestre marzo e aprile 2020,viene incrementato di 12 (dodici) il numero di giorni mensili di permesso retribuito per i lavoratori e le lavoratrici che usufruiscono della L. 104/1992 e che vanno ad aggiungersi ai 3 giorni mensili già previsti.

Articolo 39 – Lavoratori disabili (categorie protette)

Fino al 30 aprile 2020, i lavoratori dipendenti disabili ai sensi della L. 104/1992 o che abbiano nel proprio nucleo familiare una persona con disabilità, hanno diritto a svolgere la prestazione di lavoro in modalità agile, salvo ovviamente che questo sia compatibile con le caratteristiche della prestazione lavorativa.

 

 

ASSENZE PER PARTICOLARI CASI

Per i lavoratori pubblici e privati, fino al 30 Aprile, il periodo di assenza prescritto dalle competenti autorità sanitarie sarà equiparato al ricovero ospedaliero nei seguenti casi:

  • ØRiconoscimento di disabilità con connotazione di gravità (L. 104 c. 3);
  • ØCertificazione rilasciata dai competenti organi medico legali, attestante una condizione di rischio da immunodepressione o da esiti da patologie oncologiche o dallo svolgimento di relative terapie salva-vita, ai sensi dell’ art. 3, c. 1 del D.L. 2 marzo 2020 n. 9.

Compete al medico curante redigere il certificato di malattia con gli estremi del provvedimento che ha dato origine al periodo di sorveglianza attiva o permanenza fiduciaria domiciliare.

 

TUTELA DEL PERIODO DI SORVEGLIANZA ATTIVA DEI LAVORATORI

Cosa accade se un lavoratore è sottoposto a sorveglianza attiva?

Il medico curante redige il certificato di malattia con gli estremi del provvedimento che ha dato origine al periodo di sorveglianza attiva o permanenza fiduciaria domiciliare.

Sono considerati validi i certificati di malattia trasmessi prima dell’entrata in vigore della presente disposizione.

 

Articolo 63 – Premio “fedeltà”.

È previsto un premio di 100 euro per il mese di marzo 2020 ai lavoratori dipendenti, pubblici e privati, che abbiano continuato a lavorare nella sede di lavoro. Il premio spetta a chi guadagni non più di 40 mila euro l'anno ed è esentasse.

Riteniamo che il “premio fedeltà” è indicativo di come oggi vengono considerati i lavoratori. Il governo con la miseria di 100 euro, si lava la coscienza nei confronti di milioni di persone che sono state costrette (oggettivamente o soggettivamente) a recarsi al lavoro.

In ogni caso le risorse sono limitate (ogni misura infatti prevede un massimo tetto di spesa) e, di conseguenza, nulla garantisce che tutti/e gli aventi diritto ne potranno usufruire.

Siamo in attesa in ogni caso della pubblicazione delle CIRCOLARI INPS per verificare la modalità di fruizione dei provvedimenti emanati dal Governo.

 

Roma 19/03/2020

PER UNA SOCIETA' DEI BENI COMUNI

Una giornata di dibattito sul libro di Piero Bernocchi
OLTRE IL CAPITALISMO
Discutendo di benicomunismo, per un’altra società.

Guarda gli interventi del Convegno

locandina WEB
Continua